Sandrina

Sandrina, 03. agosto 2015 Assaggia

I primi tentativi di pane, pizza, dolci fatte in casa

Dopo la diagnosi della celiachia alla mia bambina, ho dovuto riorganizzare e pulire la mia cucina, come Vi ho già raccontato in un post precedente. Fatto questo ho pensato alle pietanze da mettere in tavola. Dato che già prima della diagnosi mi era sempre piaciuta fare le cose tipo pane, pizza, schiacciata, biscotti, dolci, torte ecc. in casa da me, pensavo fosse molto semplice continuare con le mie ricette che avevo, modificando solo il tipo di farina da usare.
Forse qualcuno si potrà immaginare i primi risultati come erano…..immangiabile!!!! I biscotti sembravano dischi da hockey, neri e duri; il pane non si tagliava da quanto era secco; la pizza non lievitava; le torte rimanevano anche dopo ore in forno liquide ecc. La mia famiglia scappava appena arrivavo con un nuovo tentativo appena sfornato. E vedevo la mia piccola che soffriva perché per causa sua (così pensava) non si poteva più mangiare le cose buone di prima.
Io, però non volevo arrendermi così velocemente! Per sopravvivere ai primi tempi, a malincuore, comprai pane, biscotti, pizze pronte e nel frattempo mi misi alla ricerca in Internet. Consultai vari siti e trovai tantissime ricette, ma la cosa più importante che avevo scoperta, era che non bastava prendere la mia vecchia ricetta e sostituire la farina, ma ne andavano fatte altre modifiche, per esempio di prendere più o meno liquido, aggiungere un uovo in più, cambiare i tempi di lievitazione ecc.
Dopo queste scoperte, provai le nuove ricette e guarda guarda, piano piano le cose diventavano più mangiabile e buone! Abbiamo riscoperto vecchi sapori, ma abbiamo scoperto anche tantissimi sapori nuovi e più buoni dei vecchi! Il sorriso era tornato in casa nostra e anche la voglia di stare a tavola. Ora la mia famiglia non scappava più quando arrivavo con la pizza o i dolci, anzi facevano a gara a chi toccava il primo pezzo! Così passava il tempo e diventai sempre più esperta. Provai anche a mischiare le farine da me e scoprire così nuovi abbinamenti. Ormai avevo anche trovato il mio negozio di fiducia, dove comprare farine, amidi, lievito ecc.
Poco fa eravamo invitati a casa di amici vicino Modena. Mi ero portata la mia solita scorta di prodotti pronti (pane, crackers, qualche dolcino, ecc) per affrontare i giorni fuori casa. Ma questa volta avevo fatto male i conti con la fame della mia piccola. Mi trovai a corto di cibo per lei! Che fare? I nostri amici non avevano esperienze al riguarda, non conoscevano posti dove comprare prodotti senza glutine e il supermercatino del paese era completamente sprovvisto. Per fortuna a mio marito venne in mente che non tanto tempo fa, aveva visto in Internet una nuova applicazione della glutenfreeroads che si chiama: http://www.glutenfreeroads.com/it/app/ con la quale si poteva cercare negozi nelle vicinanze. Questa fu la nostra salvezza!!! Grazie all’applicazione riuscimmo a trovare un paio di negozi nelle nostre vicinanze e così andai a fare rifornimento dello stretto necessario. Abbiamo comprato anche la farina e gli ingredienti necessari per fare una buona pizza e un bel dolce da mangiare tutti insieme la domenica sera!
Grazie a glutenfreeroads fine settimana fuori casa salvato!!!!

Vedi tutti i miei articoli

Sandrina

Ciao a tutti, mi chiamo Sandrina e ho due bambini, Kevin (13) e Jennifer (10). La mia bambina è celiaca e l'abbiamo scoperto circa 3 anni fa. Dato che mi è sempre piaciuto fare le cose in casa, specialmente i dolci, non ci siamo abbattuti e ho cominciato a sperimentare nuove ricette e nuove farine. Ora faccio (quasi) tutto in casa, dalla pizza, pane, focaccia alle torte, biscotti e merendine. Piacciono a tutta la famiglia. In questo blog vorrei raccontarvi un po' delle nostre esperienze e dirvi: "Si vive benissimo senza glutine!!!"