Estate e dieta detox free from con Schär

Quando arriva l’estate è davvero il momento più facile per fare una dieta detox.

Con molta facilità, questa stagione, spesso caldissima ed estenuante come negli ultimi giorni, ci offre degli alimenti eccezionali per aiutare il nostro organismo a eliminare stanchezza e stress, anche qualche tossina di troppo.

Idratarsi èla prima parola d’ordine, ma in estate diventa fondamentale. Quindi, bere acqua è fondamentale. Eliminiano quindi le bevande gassate che contengono zucchero. Anche la birra andrebbe eliminata, perché l’alcol ha un effetto disitratante ed invece in estate dobbiamo aumentare l’idratazione. Meglio una acqua minerale frizzante con delle belle fette di limone e due foglie di menta.

Perché proprio limone e menta?

Il limone contiene vitamina C, ovvero acido ascorbico ottimo antiossidante che reagisce con i radicali liberi; inoltre:

  • interviene nella sintesi degli acidi biliari,
  • mantiene stabili vitamine essenziali al nostro organismo come la vitamina A, E e acido folico,
  • riduce le nitrosamine che si formano nel nostro intestino in relazione alle fonti di nitrato presenti nella nostra dieta,
  • è fondamentale per la corretta formazione del collagene
  • favorisce l’assorbimento intestinale del ferro
  • oltre ad essere diuretico, favorisce l’eliminazione di metalli che possono risultare tossici per il nostro organismo (piombo, nichel, cadmio, ecc.)

Quindi, fatto il pieno delle ottime proprietà del limone, arriviamo alla menta. La menta con i suoi profumi già “sazia” il nostro bulbo olfattivo – perché si mangia con la bocca, con gli occhi e con il naso; inoltre, aiuta il fegato nel far fluire la bile alla cistifellea e al duodeno, per facilitare la digestione, quindi il passaggio e l’assimilazione nell’intestino di sostanze “buone” e l’eliminazione delle tossine attraverso l’escrezione.

L’acqua aromatizzata con limone e menta diventa un vero superfood se poi ci aggiungessimo zenzero e cetriolo. Lo zenzero è noto per le sue innumerevoli proprietà (antiossidanti, effetti benefici sulla digestione e sul fegato, ecc.). Il cetriolo è un’altra meraviglia di stagione che aiuta il detox, poiché aiuta la diuresi.

L’errore che spesso si commette in estate è pensare che siccome sudiamo – e sudare è uno dei meccanismi per mantenere l’omeostasi corporea, cioè il mantenimento delle corrette condizioni di temperatura corporea e di nutrienti per il corretto funzionamento cellulare – basti integrare l’acqua. Invece bisogna anche equilibrare i sali e i nutrienti necessari al metabolismo cellulare. Ecco perché la frutta, in particolari alcuni frutti, sono dei preziosi alleati.

L’anguria, come il cetriolo ha una azione diuretica, contiene zuccheri però

  • contiene potassio che è essenziale per le nostre cellule,
  • contiene una sostanza che aiuta la sintesi di arginina, che poi permette di eliminare ammoniaca e altre tossine cellulari,
  • contiene glutatione, altro importante antiossidante e disintossicante cellulare che aiuta l’escrezione di alcuni metalli non buoni per la nostra salute
  • contiene molte fibre, che sono gli spazzini di cui il nostro corpo ha bisogno.

L’anguria può essere usata anche nelle preparazioni salate. Personalmente io l’adoro con la feta; è un insalata che faccio da tanti anni, anche grazie a Nigella.

Tutte le berries, ovvero tutte le bacche sono benefiche in qualsiasi stagione. In estate ancor di più. Se ne trovano di fresche e anche a km 0, approfittiamone. Io adoro more e lamponi soprattutto ed in estate li uso ancora più spesso, dal dolce al salato.

Comunque, tutta la frutta della stagione estiva ha proprietà benefiche per la nostra salute ed è una ottima fonte anche di sali e di fibre. Il suo consumo va bilanciato con il consumo di verdure.

Anche in estate è bene consumare verdure a foglia verde che aiutano la disintossicazione, non soltanto attraverso le fibre che contengono, e possono avere una funzione prebiotica, cioè stimolano la crescita dei batteri buoni del nostro microbiota. Oltre a queste verdure a foglia, è bene consumare ortaggi come le barbiabetole, che sono ricche in antociani, potenti antiossidanti. Le barbabietole sono un aiuto per il nostro sistema linfatico, il cui drenaggio mantiene sano e libero da tossine, batteri e virus ogni nostro distretto corporeo. Inoltre, le barbabietole contengono potassio, fosforo, magnesio e calcio, nutrienti essenziali per il nostro metabolismo. Si possono gustare cotte, ma crude saranno una vera scoperta: grattuggiatele e conditele con della valeriana, del sale aromatizzato ovviamente senza glutine, olio di oliva e qualche goccia di aceto balsamico.

Alle insalate, ma anche la mattina a colazione, è bene anche aggiungere semi di lino tritati, che aiutano a bilanciare gli omega 3 e gli omega 6, semi come quelli di zucca, ma anche mandorle.

Molti alimenti elencati finora, oltre ad essere ricchi di vitamine, antiossidanti e fibre, sono ricchi anche di zolfo, altro elemento essenziale al metabolismo, perché lo zolfo contenuto nella cisteina e nella cistina permette alle proteine di mantenere la loro struttura e quindi la loro funzionalità. Ecco perché in una dieta disintossicante, quindi anche durante l’estate è bene mangiare alimenti che sono fonte di zolfo. Oltre a quelli già citati, ne sono un esempio l’avocado, l’aglio, ma anche i legumi come lenticchie e ceci, e alimenti animali, come il pollame, il tonno e il salmone.

Anche con il caldo si possono mangiare le proteine animali, basta saperle scegliere.

Per chi come me passerà molta della sua estate in ufficio vi propongo un pranzo facilmente trasportabile in barattolo.

Grissini di wraps Schär con crema di ceci e pomodorini secchi

(dosi per quattro persone)

Quattro wraps Schär

2 confezione di ceci da agricoltura biologica (440 g di ceci dopo averli sgocciolati)

100 g di pomodorini secchi da agricoltura biologica ben scolati dal loro olio

140 ml di acqua fredda

50 ml di olio extravergine di oliva

sale alle erbe senza glutine

Per accompagnare

Insalata valeriana all’aceto balsamico in barattolo

Anguria a dadini in barattolo

Procedimento

La crema di ceci e pomodorini secchi si può preparare la sera prima e conservare in frigo nel suo barattolo.

I grissini di wraps si possono preparare al mattino, a colazione e si conservano in uno scatolino a chiusura ermetica.

Scolate i ceci dalla loro acqua, sciacquateli molto bene e poneteli in una caraffa graduata.

Per rendere la crema più cremosa sfruttate l’emulsione tra acqua ed olio.

Aggiungete quindi ai ceci l’olio extravergine e, col frullatore ad immersione al minimo, frullateli leggermente. A questo punto aggiungete l’acqua e, sempre col frullatore ad immersione, frullate il tutto, andando dal basso verso l’alto, finchè il composto non è diventato gonfio e spumoso.

Scolate bene i pomodorini secchi e tagliateli a filetti.

Aggiungeteli alla crema di ceci.

Aggiustate di sale, porzionate nei barattoli, chiudete e conservate in frigo.

Il mattino preriscaldate il forno a 200°C.

Tagliate a liste i quattro wraps; poi tagliate le liste ottenute in obliquo.

Infornatele in forno caldo finchè non diventeranno croccanti (5-6 minuti).

Mettete i grissini di wraps in un contenitore ermetico.

Tagliate l’anguria a dadini, porzionatela e ponetela nei barattolini.

Sciacquate e scolate l’insalata. Ponetela nei vasetti.

In un contenitore a parte, preparate la vinaigrette al balsamico, che porzionerete in 4 piccoli contenitori. Al momento del pranzo, basterà scuotere il piccolo contenitore per riavere l’emulsione e condire l’insalata in barattolo.

Recap: portare in ufficio lo scatolino con i grissini di wraps, il barattolo con la crema di ceci e pomodorini secchi, il barattolo dell’insalata, il barattolino della vinaigrette e il barattolo con l’anguria. Al momento del pranzo aprite e gustate. Enjoy!

Vedi tutti i miei articoli

fabianacorami

Sono Fabiana, moglie, mamma, ricercatrice e blogger, affetta da tiroidite di Hashimoto autoimmune, da gluten sensitivity e da sensibilità alle proteine del latte. Grazie alle mie problematiche, mi sono interessata e ho approfondito diverse tematiche legate alle malattie autoimmuni alimentari, alle allergie alimentari e co. Sempre col sorriso, sempre sperimentando in cucina, perchè "senza" è "con tanto gusto"