Elena

Elena, 04. aprile 2016 Approfondimenti

Celiachia e gravidanza

Ci sono aspetti da tenere sotto controllo nella vita di una donna in caso di una tardiva diagnosi di celiachia? Cosa accade ad esempio in caso di gravidanza?

L’indicazione generale è che eliminato il glutine dalla dieta, origine di tutti i disturbi di cui soffre il celiaco, il suo stato di salute è paragonabile a quello di qualunque soggetto non celiaco. Partendo da questo presupposto riflettevo su come la celiachia non diagnosticata interferisca con la vita della donna.

Le donne celiache sono statisticamente in numero doppio rispetto agli uomini. Quali aspetti della vita di una donna possono essere interessati da una mancata diagnosi di celiachia?

L’osteoporosi e lo sviluppo di altre patologie autoimmuni sono al primo posto, segue un’influenza della mancata diagnosi su gravidanza e menopausa.

Quando sono rimasta incinta era già stata diagnosticata celiaca da 5 anni. In quel lasso di tempo avevo istituito perfettamente la mia dieta senza glutine. Ho sempre avuto disturbi gastrointestinali e non mi sono mai sognata di trasgredire alla dieta, pena almeno 2 giorni di corse al bagno e di crampi addominali dolorosissimi.

Durante gli esami del sangue del primo trimestre di gravidanza, mi ricordo che un’infermiera mi chiese se avessi scoperto la mia celiachia. Avevo avuto qualche problema nel restare incinta? Mi disse: “Sa quante ragazze vengono da noi per infiniti esami e magari al loro ginecologo sfugge di verificare la celiachia? Alcune pazienti scoprono di essere celiache e dopo aver instaurato la dieta glutenfree riescono ad avere un bimbo!”

La cosa mi colpì molto. Fino ad allora non avevo mai letto o sentito qualcuno che mettesse in correlazione l’infertilità con la celiachia.

Cercando informazioni e leggendo sul sito dell’Associazione Italiana celiachia, mi sono accorta pian piano di come questo fosse un tema “caldo”.

La celiachia è una malattia che coinvolge il sistema immunitario. Come altre patologie autoimmuni (ipotiroidismo, ipertiroidismo, diabete di tipo 1 ecc.), se non viene controllata dalla terapia può influenzare l’assorbimento di nutrienti fondamentali per l’instaurarsi e lo sviluppo di una gravidanza.
L’assunzione di acido folico, il ferro, il calcio e la vitamina B12 sono raccomandate a tutte le donne in gravidanza. Diventano fondamentali per quelle celiache, poiché vittime già di un ridotto assorbimento di nutrienti.

Quando la celiachia viene diagnosticata da adulti, si può aver trascorso anni a curare sintomi vari con palliativi. Vitamine aus Pillenkapsel
Un esempio? Io sin da ragazzina ho avuto il ferro bassissimo e ho preso tanti  integratori per migliorarne i valori nelle analisi.
Nulla, dopo un po’ si tornava ben sotto il valore limite.

Questo ha significato durante le mie gravidanze la necessità di particolare attenzione e costanza nell’assunzione di ferro.

Quindi è importante sapere che non è la celiachia a rappresentare un problema per la gravidanza, ma è la celiachia non diagnosticata ad esserlo.

Il malassorbimento di sostanze nutritive nel periodo preconcezionale e durante i 9 mesi può provocare pericolose carenze di calcio, ferro e folati, per la mamma e per il piccolo nascituro. Ricordatelo e parlatene con il vostro ginecologo nel caso vi trovaste in questa condizione.

Per far chiarezza sui principali aspetti e sulle manifestazioni classiche della celiachia, trovate degli utilissimi approfondimenti qui, sul sito Schär.

Raccontatemi le vostre esperienze, vi aspetto!

Vedi tutti i miei articoli

Elena

Mamma, moglie, architetto, di Bari. Celiaca diagnosticata nel 2003, amo le ricette semplici e appetitose. Sono sempre alla ricerca di spunti golosi per rimpinzare la mia primogenita settenne, celiaca anche lei... Marito e secondogeniti (2 vivaci gemellini) dimostrano di apprezzare molto! Nel 2012, dopo un fitto scambio di idee con la mia amica Eleonora , abbiamo aperto il blog Paneamoreceliachia. Informazioni, consigli, ricette facili e ben presentate sono state il nostro filo conduttore da sempre. Perchè togliere il glutine dalla propria alimentazione non vuol dire rinuciare a nulla, tantomeno al sapore!